Phone: 335 1330220 (anche tramite WhatsApp)

Carrello

POLTRONCINA RENE’ HERBST 304/C LACCI ELASTICI COTONE COLORATO

In stock

ARTICOLO : PON AD604/CRHLEC

Renè Herbst fu un precursore nell’impiego di essenziali nonché semplici materiali industriali per la realizzazione di mobili di un design efficace ed appropriato. Con corde elastiche tipo quelle che si usano per legare i pacchi sulle biciclette creò varie versioni di sedie, adoperando queste bande elastiche sia per la seduta che per lo schienale. Fondò fra l’altro una propria ditta per la produzione e la commercializzazione dei propri prodotti.

339,00  IVA INCLUSA


Per visualizzare il campione del colore più grande cercalo nella nostra pagina dei materiali

lacci elastici
Clear selection
COD: poltroncina-rene-herbst-604c-lacci-elastici-cotone-colorato Categorie: ,

100% MADE IN ITALY

Per ordini di importo rilevante vogliate contattarci a mezzo telefono o mail per valutare il costo del trasporto personalizzato, più favorevole di quello standard presente nel carrello

Share this product

ARTICOLO : PON AD604/CRHLEC

Renè Herbst fu un precursore nell’impiego di essenziali nonché semplici materiali industriali per la realizzazione di mobili di un design efficace ed appropriato. Con corde elastiche tipo quelle che si usano per legare i pacchi sulle biciclette creò varie versioni di sedie, adoperando queste bande elastiche sia per la seduta che per lo schienale. Fondò fra l’altro una propria ditta per la produzione e la commercializzazione dei propri prodotti.


Descrizione Tecnica Armonia Design

  • Struttura : in tubo di acciaio Ø mm 25×2 con tappi saldati – cromata
  • Seduta, schienale e braccioli :con lacci elastici rivestiti in cotone colore nero
  • Dimensioni indicative : cm. L. 57 – P. 55 – H. 86
  • Imballo : in cartone per 1 articolo completo cm. 69×59,5×93,5 H.
  • Volume : mc. 0,38 Peso : Kg. 11,700

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Chat